top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreemanuelatimperi

EREDITA': SPETTANO SOLDI ALL'EREDE CHE FA ESEGUIRE LAVORI ALL'IMMOBILE COMUNE?

EREDITA': 𝐿’𝑒𝑟𝑒𝑑𝑒 𝑐ℎ𝑒 con i propri soldi ha ristrutturato o comunque portato miglioramento al𝑙l'immobile 𝑒𝑟𝑒𝑑𝑖𝑡𝑎𝑟𝑖𝑜 𝑖𝑛𝑑𝑖𝑣𝑖𝑠𝑖𝑏𝑖𝑙𝑒, 𝑚𝑎 𝑑𝑎 𝑙𝑢𝑖 𝑝𝑜𝑠𝑠𝑒𝑑𝑢𝑡𝑜, ℎ𝑎 𝑖𝑙 𝑑𝑖𝑟𝑖𝑡𝑡𝑜 di avere dagli altri coeredi il rimborso delle spese anticipate.

No invece all’indennità per l’aumento di valore avuto dall'immobile grazie agli interventi.


E' un principio riconosciuto da recente pronuncia della Corte di Cassazione che si è occupata di una vicenda in materia di EREDITA' ( n. 1207/2023) e così ha stabilito:


"Il coerede, il quale abbia apportato miglioramenti al bene ereditario da lui posseduto, non può invocare la disciplina dell'art. 1150 c.c. - la quale attribuisce al terzo possessore di buona fede una indennità pari all'aumento di valore della cosa per effetto dei miglioramenti - ma, quale mandatario o utile gestore degli altri compartecipi alla comunione ereditaria, ha unicamente il diritto di essere rimborsato delle spese fatte per la cosa comune, dal momento che lo stato di indivisione riconduce all'intera massa i miglioramenti apportati dal coerede; ne consegue che al momento dell'attribuzione delle quote l'apporto si ripartisce, insieme con le spese, tra i vari condividenti, secondo il principio nominalistico".




Si ricorda che ogni caso è a sè e necessita di una consulenza specifica basata sull'esame della vicenda e sui documenti.

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page